Antiparassitari

Conoscere gli antiparassitari

Pulci, zecche, zanzare e flebotomi sono parassiti (ectoparassiti) che spesso possono infestare i nostri animali, siano essi canidi o felini. Per questo è importante proteggerli costantemente con trattamenti antiparassitari specifici e costanti nel tempo. Oggi in commercio è disponibile una vasta gamma di prodotti, pertanto la scelta di un tipo di antiparassitario piuttosto che di un altro deve essere fatta considerando molte variabili: l’ambiente (casa, giardino ecc.) in cui vive il nostro animale e il clima che lo circonda (costiero, di montagna ecc.), la frequenza con cui viene lavato, le esigenze del proprietario.

 Un errore comune è quello di applicare l’antiparassitario subito dopo il bagno e l’asciugatura; con questa errata procedura, il principio attivo del prodotto non viene assorbito correttamente dalla cute e di conseguenza l’animale non viene protetto. Per una corretta applicazione bisogna somministrare il prodotto tre giorni dopo il bagno, evitando il contatto con l’acqua per le 12-24 ore consecutive. Se l’animale è già stato trattato con l’antiparassitario, bisognerà aspettare due settimane prima di lavarlo.

 Per una corretta somministrazione, l’antiparassitario deve essere applicato direttamente sulla cute dell’animale e non sul pelo, altrimenti non verrà assorbito completamente e non sarà efficace. Un altro aspetto da considerare è che se l’animale viene lavato, sebbene sia protetto dal collare, dalla pipetta o dallo spray, questi non riescono ad essere efficaci per circa tre-sette giorni. Ciò accade perchè il principio attivo necessita di questo lasso di tempo per estendersi su tutta la cute dell’ animale prima di iniziare ad agire contro gli ectoparassiti. Per evitare infestazioni nei giorni di non-copertura dell’antiparassitario è consigliabile, quindi, proteggere l’animale con un metodo alternativo. Il più efficace è uno spray naturale (a base di olio di Neem o di Citronella) che, agendo direttamente sul pelo, non ha bisogno di estendersi sulla cute; questo andrà applicato più volte al giorno per avere un margine di sicurezza adeguato.

É sempre indicato fare attenzione durante l’acquisto di un qualsiasi prodotto e leggere il foglietto illustativo; questo perchè non tutti gli articoli commercializzati proteggono anche nei confronti delle zanzare, che ricordiamo essere i veicoli di trasmissione della Leishmania. Sul mercato è possibile trovare nelle forme più varie un antiparassitario: lo spot-on, i collari, gli spray o le compresse. Starà al proprietario e al medico veterinario selezionare la forma più adeguata ai bisogni del pet e del suo padrone.

É importante chiedere sempre consiglio al proprio veterinario su come trattare il proprio animale; questo perchè l’antiparassitario che agisce efficacemente contro tutti gli ectoparassiti non esiste e ogni prodotto va adattato in base alle esigenze del proprietario e dei nostri animali.

Va ricordato inoltre che bisogna proteggere anche gli animali che vivono costantemente in appartamento; ciò perchè anche il proprietario può essere veicolo di pulci e zecche. Vi è infatti la possibilità di portare dentro casa le uova degli ectoparassiti.

Infine vi rinnoviamo l’invito di leggere il foglietto illustrativo dell’antiparassitario che avete intenzione di acquistare, facendo attenzione a quale specie è destinato. Molti prodotti utilizzati per il cane, infatti, possono essere tossici per i gatti e per i conigli. Prima di somministrare un prodotto simile, se avete più animali in casa che possono entrare in contatto tra di loro, chiedete sempre consiglio al vostro medico veterinario su come gestire la loro convivenza e su quali prodotti prediligere.


Lascia un commento